Cosa ti serve per dimagrire, oltre alla forza di volontà

Il significato della forza di volontà

L’avrai sentito più volte, soprattutto ora che sono finite le feste: per dimagrire occorre forza di volontà! Avere forza di volontà vuol dire riuscire a non assecondare i propri impulsi.

Alcune regole per utilizzare la forza di volontà in modo furbo

1) Se ti affidi alla forza di volontà in modo troppo rigido, raggiungerai solamente obiettivi a BREVE termine

In uno studio recente della Boston University, i ricercatori hanno dimostrato che più privavano i roditori del loro mangime e più aumentava in loro la probabilità che questi provassero maggiore gratificazione dal cibo ed eccedessero rispetto ai consumi abituali.  In altre parole, troppi “no” possono essere controproducenti. Se facciamo uso solo della forza di volontà, per perdere peso, non capiremo mai se abbiamo fame o se siamo sazi a fine pasto. Il rischio è quello di cadere in uno sgarro e mangiare in eccesso appena ci si lascia andare.  Quanto sei in grado di capire quali sono i tuoi reali bisogni, come la fame reale? Quanto avresti bisogno di un esperto al tuo fianco?

2) Impara ad utilizzare la tua forza di volontà in modo allineato rispetto ai tuoi obiettivi a LUNGO termine

Anzichè essere in guerra con la tua forza di volontà è importante cambiare le abitudini alimentari, senza rinunciare alla gratificazione data dal cibo. E’ appurato che il nostro cervello impiega almeno 1 mese per far sì che un cambiamento di stile di vita diventi un’abitudine. Non mollare quindi dopo una settimana, sarebbe inutile. Ricorda invece che, poi, l’abitudine va mantenuta e coltivata, anche in presenza di fattori di disturbo esterni (cene fuori, compleanni..) che possono far vacillare le tue migliori intenzioni.  Quanto sei in grado di gestire la tua alimentazione-ideale anche in presenza di normali occasioni di vita sociale? Quanto avresti bisogno di un esperto al tuo fianco?

3) Anzichè chiederti: cosa posso togliere dalla dieta? Chiediti: cosa mi manca per sentirmi meglio?

L’era di internet spinge a seguire diete restrittive e a privarci in modo drastico, per alcuni giorni, di qualcosa che in fondo sappiamo prima o poi torneremo a mangiare. Perchè sempre e solo eliminare, quindi? Quanto spesso ci soffermiamo a chiederci di cosa abbiamo bisogno veramente? Magari ciò che manca alla routine è abbondante verdura, sia pranzo che a cena, oppure del movimento in più. Aggiungendo ciò che ti manca, “gli extra” che prima colmavano “i vuoti” (inutili pacchetti di crackers al posto della verdura.. inutile tempo sprecato su Fb anzichè in palestra) verranno rimpiazzati in modo più spontaneo e gratificante. Chi ragiona in modo additivo si vuole bene. E tu: quanto bene ti vuoi? 

Il consiglio speciale della biologa nutrizionista:

Spesso quando si opta per le “diete fai da te”, si inizia una dieta rigida sperando che sia la volta buona. Ciò mette a dura prova la forza di volontà, già provata dai precedenti insuccessi. Affidarsi ad un biologo nutrizionista può aiutare a inserire, gradualmente e in modo furbo, alcune trasgressioni alla dieta, in modo che siano prevedibili e controllabili. Ogni persona è diversa, motivo per la dieta va personalizzata. Una cosa è sicura però: sarà molto più semplice riuscire a stare a dieta fino alla fine.

 

Vuoi saperne di più? Scrivimi le tue domande!

Dr.ssa Francesca Simonella – Biologa Nutrizionista a Udine

Esperta in counseling motivazionale e Mindful Eating (o alimentazione consapevole)

info@alimentazionepersonalizzata.com