Vuoi iniziare a volerti bene? Inizia a nutrire il tuo corpo.

Volersi bene è un caposaldo del proprio benessere.

Volersi bene significa tutelare la propria salute, fornendo alimenti che possano nutrire corpo e mente. Quandosoddisfiamo questi requisiti, riposiamo bene, la nostra mente è lucida e possiamo portare a termine tutte le incombenze della quotidianità con la giusta energia.

Mangiare è un atto complesso, “condito” di molti significati


Il rapporto con il cibo si basa sulle emozioni, è costruito con emozioni, da’ emozioni.

Facciamo ogni giorno, tante azioni, rivolte al nostro benessere: ci laviamo, ci spruzziamo profumi, massaggiamo lozioni.. ma non pensiamo alla cosa più importante per il nostro benessere e salute: nutrirci in modo sano e corretto, facendo attenzione al cibo che mettiamo nel piatto e agli abbinamenti delle pietanze.

Non è mai troppo tardi per imparare e per iniziare una corretta alimentazione.

Quando la scusa è “non ho mai tempo”

Programmando e mantenendo appuntamenti fissati “con noi stessi”, esattamente come tutti gli impegni lavorativi e familiari delle nostre giornate, possiamo passare dal fingere di darci la priorità…a darcela veramente.

Almeno 20 minuti al giorno dovrebbero essere dedicati all’attività fisica e/o al relax-meditazione, almeno 1 ora abbondante a settimana alla spesa settimanale (compresa la sua pianificazione), almeno 20 minuti a tavola per consumare un pasto, e poi almeno 7 ore di riposo notturno.

Pensate che la maggior parte della gente spende almeno 30 minuti al giorno sui social media.. togliendoli quindi a queste altre attività benefiche.

Oltre a dire di sì più spesso alle sane abitudini, è importante dire anche un “no” secco e deciso ad abitudini nocive, come il fumo, l’eccesso di alcolici e di zuccheri e/o prodotti industriali. No anche alla tendenza ad abusare di smartphone, ad isolarsi o trascurarsi “dimenticando” l’igiene personale ed orale quotidiane, i controlli e gli screening periodici consigliati dai professionisti sanitari.

Insomma, “cura di sé” = fare prevenzione.

Egocentrismo? Assolutamente no

Proprio perché la cura di sè, praticata quotidianamente, contribuisce ad aumentare il benessere psicofisico, avremo anche maggior autostima, e quindi più energie per andare avanti a perseguire gli obiettivi, senza mollare alla prima difficoltà.

Se non siamo noi a credere in noi stessi per noi non possiamo pensare che lo facciano gli altri per noi. Un nutrizionista, così come un medico o uno psicologo, possono essere delle valide guide in modo aiutare a sostenere la propria motivazione iniziale.. ma un minimo di amor proprio e motivazione per cambiare in meglio lo stile di vita deve esserci a priori.

Quanto tempo dedichi alla cura di te stesso ogni giorno/settimana?

Dr.ssa Francesca Simonella, Biologa Nutrizionista

info@alimentazionepersonalizzata.com