easy website builder

Frequently Asked Questios 

Ho riassunto qui le domande che ricevo più di frequente.
Controlla se la tua domanda mi è già stata posta!

Domande sull'abilitazione professionale

  • Chi è legalmente autorizzato a fare diete in Italia? Solamente Biologo Nutrizionista, Medico e Dietista. Tutte le altre figure (farmacista, incluso) che elaborano diete commettono abuso della professione, come spiegato qui sotto.
  • Che differenza c'è tra le figure professionali in merito all'elaborazione di diete?
    • Biologo Nutrizionista: L'art. 3 della legge 24.5.1967 n. 396; il DM 362 del 22.07.1993 e il DPR 328/2001 abilitano il Biologo Nutrizionista ad eseguire la valutazione dei bisogni nutritivi ed energetici dell'uomo e a prescrivere diete. Il Biologo Nutrizionista può svolgere questi compiti autonomamente, anche in caso di soggetti con patologie accertate dal medico.
    • Medico: considerato che pochi corsi in medicina e chirurgia offrono tirocini specializzati in nutrizione, molti medici scrupolosi hanno il piacere di delegare questa parte al biologo nutrizionista. Quest'ultimo è onorato di collaborare con i medici, soprattutto perchè ai medici spetta il compito di elaborare diagnosi e prescrivere farmaci.
    • Dietista: Ha solo una laurea triennale e si limita ad elaborare diete prescritte dal medico e a controllarne l'accettabilità da parte del paziente (DM 2/4/01 MIUR-suppl. ORD alla G.U. n. 128 del 5/6/2001, all.3, classe 3). E' per questo che un dietista NON può lavorare autonomamente nel suo studio privato (al contrario del biologo).
    • Farmacista: Non può elaborare diete (Parere del Cons Sup di Sanità del 15.12.2009, pag 3)
  • Come si diventa Biologo Nutrizionista? L'iscrizione all' Ordine dei Biologi, sezione A, conferisce al biologo il titolo giuridico a svolgere la professione di Biologo Nutrizionista (art.3 della legge 396/67). Per iscriversi all'Ordine servono almeno 5 anni di università, seguiti dal superamento dell'esame di stato. Un Biologo Nutrizionista abilitato può poi specializzarsi in varie aree.
  • In passato mi sono rivolta ad un Consulente Nutrizionista o Coach ..è un sinonimo di Biologo Nutrizionista? I termini consulente o coach non sono protetti dalla legge. Può usarli chiunque. Chi usa questa terminologia spesso non ha i titoli per elaborare diete. Anche per questo motivo, i consulenti o coach scelgono attentamente parole come "clienti", "appuntamenti " e "piani alimentari" al posto di "pazienti", "visite" e "diete".

Chi è legalmente autorizzato a fare dieta in Italia?
Solamente Biologo Nutrizionista, Medico e Dietista. Tutte le altre figure (farmacista incluso) che rilasciano diete commettono abuso della professione di Biologo, Medico e Dietista, come spiegato qui sotto.

Che differenza c'è tra Biologo Nutrizionista, Medico, Dietista e Farmacista in merito all'elaborazione di diete?
- Biologo Nutrizionista: L'art 3 della legge 24.5.1967, n. 396; il DM 362 del 22.07.1993; e il DPR 328/2001 abilitano il Biologo ad eseguire valutazioni dei bisogni nutritivi......

Come si diventa Biologo Nutrizionista?

Domande sul metodo della dott.ssa Simonella

  • Sono stato seguito da altri nutrizionisti prima. Cosa offre di speciale la consulenza della dott.ssa Simonella? Il metodo della dott. ssa Simonella non prevede piani prestampati o il mero conteggio delle calorie. L'obiettivo è aiutarti a stabilire una relazione positiva col cibo e il tuo corpo. Molti pazienti associano l'andare dal nutrizionista ad un percorso di privazione e frustrazione (sulla base di esperienze precedenti). Invece, grazie a strategie di "empowerment", le persone possono diventare la versione più sana e positivita di sè.
  • Ho provato tantissimi di tipi di diete fai-da-te. Perchè l'approccio della dott.ssa Simonella dovrebbe essere migliore? La dott.ssa usa un approccio a 360°, che coinvolge corpo e mente. Le visite analizzano la storia medica e una vasta serie di aspetti di vita quotidiana che possono influenzare la salute complessiva. Anche quando l'obiettivo di un paziente è perdere solo un paio di kg, è importante considerare ogni aspetto della vita di quella persona.
  • So già cosa non devo mangiare. Il mio problema è che non riesco a resistere alle tentazioni. Come potrebbe aiutarmi la dott.ssa Simonella? Molti sanno già che una mela è più sana di una fetta di torta. Ma tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare. Per questo molti falliscono alla pratica. Il consumo di alimenti sotto l'influenza di emozioni deriva spesso da un approccio sbaglito al cibo. La dott.ssa ti aiuterà a raggiungere un migliore rapporto col cibo e con il tuo corpo, stabilendo un equilibrio corpo-mente.
  • Mi informo sempre su internet e compro libri di nutrizionie. Cosa posso imparare che già non so? La maggior parte di quello che è scritto su internet o sui libri comprati in libreria è fatto per promuovere un prodotto al fine di trarre un profitto. Il fatto che internet o i libri propongano un ragionamento che ha senso per l'utente medio non significa che il contenuto sia veritiero. Molte informazioni possono essere state omesse di proposito. Inoltre, già il fatto che spesso venga proposta una dieta-tipo per tutti gli utenti di una data fonte di informazioni è giaà indice di mancanza di professionalità. La chiave è la personalizzazione.

Ho lavorato con altri nutrizionisti prima. Cosa offre di speciale la consulena della Dr.ssa Simonella?
Il metodo della Dr.ssa Simonella non prevede nessun piano pre-stamapto o il conteggio sterile di calorie....

Ho provato tantissimi tipi di diete fai-da-te. Perchè l'approccio della Dr.ssa Simonella dovrebbe essere migliore?
La Dr.ssa usa un approccio a 360°, che coinvolge il corpo e la mente di ogni paziente.

Come scegliere un bravo nutrizionista a Udine o altrove e smascherare un ciarlatano

  • Come posso distinguere tra informazione e disinformazione sulla nutrizione? Parole come "sensazionale" e "miracoloso" in riferimento a studi scientifici sono difficilmente usate da professionisti seri. Questi ultimi accettano nuove scoperte solo dopo che molteplici studi riescono a consolidare i dati proposti da esperimenti preliminari. Le riviste che trovi dal parrucchiere propongono solo una sintesi di un dato argomento. Chiediti: Che qualifica ha l'autore dell'articiolo? Lo studio scientifico descritto è stato condotto su animali o su soggetti umani? Mi posso fidare di una scoperta scientifica fatta su pochissime persone che magari non mi rappresentano? Sospetta delle risposte facili a questiti difficili e lascia che sia un professionista come il biologo nutrizionista ad interpretare scienza e dati medici per te.
  • In passato ho fatto un test citotossico per le intolleranze. Quale è la sua validità? Il test citotossico si basa sul principio che aggiungere ad una provetta di sangue intero uno specifico allergene possa causare un cambiamento nella forma delle cellule sanguigne. Come stabilito in un documento ufficiale della Società Italiana di Allergologia Asma e Immunologia clinica (SIIAIC), il test citotossico può dare risultati diversi nello stesso paziente in tempi diversi. Infatti, la morfologia delle cellule può variare per tanti motivi. Facile (e comodo) dare di default la colpa al glutine o al lattosio al giorno d'oggi, no?
  • Quali sono i test fasulli per intolleranze e allergie? Come ribadito dalla SIIAIC, bisogna stare alla larga da: test citotossico (leggere la domanda sopra), test kinesiologico (misura la forza muscolare quando il soggetto tiene in mano una provetta contenente l'allergene), vega test (misura le variazioni di conduttanza della cute quando ci si espone ad un alimento) e test del capello. La validità di questi test è quella del lancio di una moneta.
  • Se io e/o la dott.ssa Simonella sospettiamo la presenza di un'allergia o intolleranza, come è possibile procedere? La dott.ssa Simonella si appoggia solo a strutture soggette ad autorizzazione sanitaria (es: ospedali) per i test appropriati. Questo è obbligatorio per un biologo nutrizionista. Se conosci un nutrizionista che svolge test per allergie o intolleranze in autonomia nel proprio studio, potrebbe essere il caso di farsi due domande.
  • Che differenza c'è tra una bilancia bioimpedenziometrica e un bioimpedenziometro? La bilancia che valuta la composizione corporea di un soggetto in piedi può essere acquistata al supermercato e non ha nulla di professionale. Il solo fatto di fare una misura della composizione corporea in piedi è sbagliato, per effetto della forza di gravità. Per esempio, una ragazza sottopeso e un culturista potrebbero ottenere lo stesso risultato di massa muscolare da queste bilance: ovvero una percentuale di massa parti al 80%. Ma è ovvio che il dato è grossolano e poco informativo! Un professionista serio usa invece un bioimpedenziometro che prevede il posizionamento del paziente su un lettino e l'utilizzo di 4 elettrodi alle estremità corporee.

Come posso distinguere tra informazione e dis-informazione sulla nutrizione?
Parole come "sensazionale" o "miracoloso" in riferimento a studi scientifici, sono difficilmente usate da professionisti o ricercatori seri........

In passato ho fatto un test citotossico per le intolleranze. Qual è la sua validità?
Il test citotossico si basa sul principio che l'aggiunta in provetta .......

Contattami


Sono Francesca Simonella, un'appassionata Biologa Nutrizionista con esperienza internazionale. Contattami per ricevere qualsiasi informazione o per fissare un appuntamento nel mio studio privato in centro a Udine

Via Artico di Prampero, 12 Udine

"Diventa la versione più sana e positiva di te stesso"

© Copyright 2018 Simonella Francesca via Pre Checo Placerean, 12 33100 Udine - P.IVA 02911310304
- Sviluppato da Immaginet Srl - PRIVACY POLICY